Domanda n.2042




Argomento della domanda:I requisiti per accedere alle agevolazioni per il mutuo prima casa
(vai alla pagina relativa a: I requisiti per accedere alle agevolazioni per il mutuo prima casa)

Domanda
Ho 30 anni e un lavoro con un contratto a tempo determinato con un reddito netto di 900 euro mensili, mentre mio marito, 32 anni, lavora da 12 anni a tempo indeterminato e percepisce uno stipendio netto di circa 2000 euro al mese. Vorremmo acquistare un immobile da ristrutturare, del valore di 2400000 euro, con un mutuo di circa 175000. Secondo voi è possibile ottenerlo?
Cosa ci consigliate?
Grazie


Risposta
Gentile Utente,
ai fini dell'ottenimento del mutuo il valore del contratto a tempo indeterminato di Suo marito è nettamente prevalente sul Suo, che è a tempo determinato e, come tale, finira molto tempo prima del mutuo, aprendo a tutta una serie di rischi connessi con la ricerca di una nuova occupazione.
Fatta questa debita premessa, però, la situazione ci sembra positiva: con un reddito di 2.000 euro, corroborato, seppur temporaneamente, da altri 900 dovrebbe essere possibili sostenere rate fino a 700-800 euro.
Con questa rata un variabile a 30 anni consentirebbe di ottenere i 175.000 euro necessari (siamo a intorno ai 750 euro).
Accorciare a 25 anni, pagando 100 euro in più al mese, sarebbe ottimo perchè consentirebbe di risparmiare complessivamente 15.000 euro. Bisogna vedere se la banca accetta, se va bene per Voi, se non vi chiedono ulteriori garanzie.
Sul tasso fisso, invece, non pensiamo proprio sia possibile muoversi: avreste rate prossime ai 1.000 euro anche portando la durata a 35 anni.
Una ultima e importante considerazione: calcolate attentamente i costi di ristrutturazione, considerando un buon margine per eventuali imprevisti che possano uscire fuori durante i lavori. Infatti, dopo aver ottenuto il mutuo di cui sopra, sarà assai difficile (se non impossibile) accedere nuovamente a prestiti personali e mutui.
Cordialità.
La redazione
Le domande degli utenti

Domanda del 27-07-2014:
Salve, sono un lavoratore con contatto a tempo indeterminato con mensilità netta di 1500 euro più 14 Sima, inoltre mia moglie ha un contratto di 1000 euro netti con contratto a tempo determinato, quanto potremmo chiedere di mutuo per l'acquisto di prima casa con valore di 160.000 euro.
Grazie per la vostra cordiale risposta

Risposta:
Gentile Utente,
potreste prendere il massimo possibile: le banche oggi erogano circa l'80% del valore dell'immobile: se la perizia confermasse il valore da Voi indicato, ossia 160.000 euro, il mutuo massimo concesso sarebbe di 128.000 euro.
La rata, se sceglieste un trentennale variabile, sarebbe di 500 euro circa, ampiamente alla Vostra portata, anche solo con il Suo stipendio.
Potreste anche tentare un lieve accorciamento, ricorrendo ad un venticinquennale, sempre variabile, con circa 70 euro al mese in più.
Infine, lievemente più oneroso, c'è il trentennale a tasso fisso, con rata di circa 680 euro, fattibile solo se viene riconosciuto l'apporto del contratto a tempo determinato di Sua moglie, e questo dipende da fattori quali il tempo già lavorato, il rimanente, la tipologia di datore di lavoro, etc.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 22-05-2014:
ho uno stipendio di 1250 euro vorrei chiedere un prestito di 160000 euro, potrei ottenere questa cifra?

Risposta:
Gentile Utente,
un mutuo di tale entità, anche se protratto per la durata massima che si trova sul mercato (quarantennale) determinerebbe una rata di circa 600 euro, che è troppo in rapporto al Suo reddito.
Cordialità.
La redazione