Le particolarità del mutuo prima casa




Il mutuo prima casa è quello relativo all'acquisto della propria abitazione principale, intesa come quella di dimora abituale di chi richiederà le agevolazioni o di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo grado). L'abitazione principale è per sua stessa natura unica, pertanto non se ne potrà avere più di una nello stesso momento. Le detrazioni per le spese del mutuo prima casa possono essere richieste anche nel caso di mutui ipotecari indivisi stipulati da cooperative o da imprese costruttrici.

Argomenti correlati:


Detrazioni fiscali per il mutuo prima casa

Il mutuo sulla prima casa dà diritto agli acquirenti, anche della sola nuda proprietà, ...

I requisiti per accedere alle agevolazioni per il mutuo prima casa

Requisiti catastali Per poter usufruire delle agevolazioni sul mutuo prima casa ...

Valuta questa pagina
Le informazioni presenti in questa pagina sono state interessanti?
Esprimi il tuo giudizio per aiutarci a migliorare, per noi è importante!
Grazie

Le particolarità del mutuo prima casa
(numero di votanti: 14 / valutazione media: 4.21429 )

Le domande degli utenti

Domanda del 27-01-2016:
Salve sto valutando con mia moglie si acquistare casa. Ho uno stipendio netto di 1300 con 13 mensilità. Mia moglie per ora non lavora vorrei sapere fino a cifra potrei arrivare per un mutuo a tasso fisso . Ho letto in banca che fanno 1.75%può essere o è uno specchietto per le allodole? Partiamo per una spesa massima di 120000 euro è fattibile ? Cordiali saluti

Risposta:
Gentile Utente,
un mutuo a tasso fisso con spread a 1,75% su IRS 30 anni di 120.000 euro determina una rata di circa 500 - 520 euro, pari al 38% del Suo reddito dimostrabile. Tale valore ci sembra un po' troppo alto; è molto probabile che Le chiedano almeno un garante (e forse neanche questo potrebbe essere sufficiente).
Vale quindi la pena provarci ma senza purtroppo farsi troppe illusioni.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 22-06-2015:
salve,
ho 34 anni e ho lavorato dal 2013 fino a gennaio 2015 per una ditta SAS e poi dal febbraio mi hanno cambiato il contratto nel tempo indeterminato sul una ditta SPA con lo stesso proprietario e lavoro nello stesso posto. La mia busta paga e di 1200 euro e de la mia moglie di 600 euro . La domanda è possiamo prendere un mutuo di 60 000 euro? Grazie

Risposta:
Gentile Utente,
cumulando i due redditi non avreste alcun problema a farVi erogare il mutuo di 60.000 euro.
L'unico impedimento sta nel fatto che, a prescindere dalla trafila che mi ha indicato, Lei ha comunque un contratto di lavoro nuovo con una società nuova e, di conseguenza, la banca potrebbe obiettare ed imporvi di attendere ancora qualche mese prima di fare domanda.
Questa che formuliamo è però solo una ipotesi; ha senso informarsi sin d'ora con due - tre istituti di credito per vedere se vi lasciano passare la pratica o meno.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 02-04-2015:
Salve ho 50 anni, io e mia moglie siamo dipendenti statali con reddito netto pari circa a 3100 euro mensile.
Vorremmo comprare una casa dobbiamo chiedere un mutuo da 230.000 euro, avendo come opzione inpdap o banca la cosa è fattibile? Grazie

Risposta:
Gentile Utente,
con il Vostro reddito cumulato dovreste poter optare per una soluzione a trenta anni (oltre non ci sembra ragionevole): avreste una rata intorno agli 800 euro, il che, come detto, è per Voi statisticamente sostenibile.
Per quanto attiene la scelta fra la convenzione INPS (Ex INPDAP) e una banca privata non convenzionata, ebbene non abbiamo una risposta certa: il mercato si sta riavviando e le offerte predisposte dalle banche non convenzionate potrebbero essere del tutto simili alle convenzionate. La cosa migliore, in momenti di instabilità del mercato è farsi fare più preventivi possibili per individuare la soluzione per Voi più conveniente.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 29-12-2014:
Salve vorrei acquistare una casa mi hanno consigliato di fare un accollo mutuo ,la cifra rimasta e di 55 mila euro e sono rimasti 7 anni da pagare su una rata di 680 euro , io ho un reddito di circa 10 11 mila euro ho probalità che lo accettino ?

Risposta:
Gentile Utente,
il Suo reddito, se ripartito su 12 mensilità, è di poco al di sotto dei 1.000 euro. Ne deriva che non potrebbe assolutamente sostenere una rata di 680 euro.
Secondo i parametri dei maggiori istituti di credito, per poter sostenere una rata di 680 euro, in assenza di un garante, serve un reddito mensile di circa 2.000 euro.
Cordialità.
La redazioone

--------------------------------------

Domanda del 23-10-2014:
salve ho 26 anni e vorrei comprare la mia prima casa a 200mila euro. ho un contratto indeterminato e guadagno 1100 euro mensili piu tredicesima e quattordicesima...ho qualche possibilità? ? grazie

Risposta:
Gentile Utente,
se l'immobile ha valore 200.000 euro probabilmente il massimo che riuscirebbe ad ottenere è un mutuo di circa 160 - 170.000 euro, ossia l'80% del valore o poco più.
Va tuttavia detto che mutui di queste dimensioni non sono compatibili con il Suo reddito: la rata, infatti, superebbe i 600 euro mensili, ossia più della metà del Suo reddito.
A nostro modo di vedere siamo troppo fuori dei limiti e difficilmente potrebbe ottenere il mutuo anche in presenza di un garante.
Cosa fare dunque? Tentare comunque con la richiesta ma, purtroppo, senza farsi troppe illusioni.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 12-10-2014:
Buonasera, ho un lavoro a tempo indeterminato da ormai da 2 anni e vorrei acquistare la prima casa che costa sui 125 mila euro. Sono single e i miei non possono farmi da garante. Il mio stipendio mensile netto è sui 1300 euro con 14 mensilità. C'è qualche possibilità di ottenere un mutuo anche 100% del valore dell'immobile? Grazie

Risposta:
La risposta si trova alla seguente pagina: Domanda n. 2618

--------------------------------------

Domanda del 11-09-2014:
si può avere il mutuo regionale con il contratto indeterminato e tre mesi di busta paga oppure quante buste paga bisogna presentare per ottenere il mutuo

Risposta:
Gentile Utente,
è un numero variabile: alcuni istuti bancari richiedono anche un anno di anzianità lavorativa, altri meno.
Di conseguenza è difficile darLe una risposta attendibile.
Sicuramente, vista la Sua condizione di neoassunto, sarebbe almeno opportuno fare dei tentativi, cominciando dalla banca presso la quale ha l'accredito dello stipendio, senza però farsi delle illusioni di riuscire al primo tentativo.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 23-07-2014:
Salve con uno stipendio di 1050 euro al mese posso chiedere un mutuo regionale di 68000 il valore della casa è di 100000

Risposta:
Gentile Utente,
il rapporto tra il Suo reddito e l'importo che Le serve è senz'altro favorevole e rende l'operazione fattibile.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 22-06-2014:
salve,ho 51 anni un contratto a tempo indeterminato gia da 10 anni,un reditto mensile 700 euro,avrei bisogno di 30.000 euro per comprare casa,ce qulche modalita di farcela?
Grazie

Risposta:
Gentile Utente,
un prestito come quello che Le occorre richiede un impegno economico molto importante.
Noi pensiamo che avrà problemi ad ottenere quanto Le serve: per importi così elevati servono garanzie forti, come ad esempio una cessione del quinto dello stipendio. Tuttavia, anche se non ci comunica presso che ente / azienda lavora, e quindi se la cessione è fattibile, il problema del reddito basso rimane comunque.
In buona sostanza, purtroppo, non abbiamo consigli da darLe se non quello tipico: girare, esporre la propria situazione, farsi fare dei preventivi e vedere se salta fuori qualcosa che può esserLe utile.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 17-06-2014:
Salve ho 23 anni vorrei comprare la casa costa 50.000 mila euro ce la faccio con un reddito di mille euro al Mese e mia madre da garante lei guadagna 500 euro al mese


Risposta:
Gentile Utente,
ha senso che provi a richiedere il mutuo.
Dovrebbe essere possibile.
Ad esempio, ricorrendo ad una soluzione a venti anni, con la certezza del tasso fisso, avrebbe una rata di circa 320 euro, quindi del tutto compatibile con il Suo reddito.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 29-04-2014:
Salve,
io ho un contratto a tempo indeterminato con un reddito mensile di circa 1500 euro, sono separato con un figlio il quale il giudice ha stabilito un mantenimento di euro 250 mensili.ho in corso 2 finanziamenti per la somma totale di euro 30.000,00 euro pagando mensilmente una rata di euro 670,00. Voglio acquistare casa e purtroppo non ho disponibilità iniziale , potreste consigliarmi su una possibile soluzione ammesso che ci sia?
Grazie.

Risposta:
La risposta si trova alla seguente pagina: Domanda n. 2139

--------------------------------------

Domanda del 11-02-2014:
Salve,
ho 24 anni è sono un agente di commercio il mio fatturato annuo è di circa 20 22mila euro netti ho iniziato a fatturare da un anno cioè gennaio 2013 mi chiedevo se potrei avere un mutuo per comprare la prima casa ma oltre le banche potrei anche richiederlo alla fondazione ENASARCO? Consigli? grazie in anticipo

Risposta:
La risposta si trova alla seguente pagina: Domanda n. 1949

--------------------------------------

Domanda del 15-01-2014:
Salve, io e mio marito (30 e 32 anni) vorremmo acquistare la prima casa del valore di euro 125.000.
Mio marito, socio di una sas, ha un reddito di circa 750 euro mentre io da quest'anno passeró al part-time con una bustapaga di 500 euro/mese e un'anzianità lavorativa di 10 anni. Non abbiamo altri finanziamenti.
Riusciremmo ad accedere ad un mutuo dell'80%? Ringrazio in anticipo.

Risposta:
Gentile Utente,
il reddito complessivo è di circa 1.250 euro, la rata, con un mutuo a 40 anni, sarebbe di circa 350 euro, ossia il 28% di quanto disponente mensilmente.
Pensiamo che tale percentuale renda l'operazione fattibile.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 11-11-2013:
salve, ho un contratto a tempo indeterminato da 12000 euro all'anno netti compreso di tredicesima e quattordicesima). poco più di 800 euro al mese. Lavoro nella stessa azienda già da 10 anni. mia moglie non lavora e non abbiamo figli. Vorremmo acquistare una prima casa che attualemnte quota 60000.00 euro. troverò qualche banca che può accendere un mutuo? quali sono le agevolazioni?
grazie
saluti
daniele

Risposta:
La risposta si trova alla seguente pagina: Domanda n. 1751

--------------------------------------

Domanda del 17-03-2013:
salve, ho 32 anni e sono studente, mio padre vorrebbe comprare casa x me, dato che pago un affitto... il valore di questa casa è sui 50 mila forse anche meno, 40 mila... mio padre è pensionato inps, ha 71 anni e la sua pensiona non arriva a 800 euro, ma ha una proprietà/negozio in centro storico del valore di quasi 50 mila euro... che consigliate? grazie

Risposta:
Gentile Utente,
l'età di Suo padre lo pone al limite (se non oltre) dell'anzianità oltre la quale non vengono concessi mutui ipotecari.
Comunque sia, se il reddito di Suo padre è di 800 euro mensili (pensione INPS) non crediamo ci siano margini per ottenere un mutuo.
Se, al contrario, ci sono redditi derivanti dalla locazione del negozio, andrebbe calcolato a quanto ammontano per vedere se si hanno maggiori possibilità di essere finanziati.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 10-01-2013:
il mio ragazzo ha un contratto a tempo indetetminato con prima pero tre anni di apprendistato con uno stipendio di 1,400 euro lordi mensili vorremo chiedere un mutuo di 80,000 mila euro per aquisto prima casa. E' fattibile?quante possibilita'ci sono? serve qualcuno che faccia da garante qualora possibile?ringrazio in anticipo per la risposta

Risposta:
Gentile Utente,
in presenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato con retribuzione come quella che ci indica non dovrebbero esserci problemi nel richiedere il mutuo in questione. Molto probabilmente non sarà nemmeno necessario un terzo soggetto che faccia da garante.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 09-01-2013:
Abito in un appartamento di 52 mq siamo in tre io mia moglie e mio figlio. Potrei usufruire del mutuo Regionale, grazie un cordiale saluto

Risposta:
Gentile Utente,
le agevolazioni regionali per l'acquisto di prima casa sono regolati da bandi che dettano i requisiti per poter partecipare.
Essi sono legati:
- all'età, di uno solo o di entrambi i coniugi o componenti la coppia di fatto
- residenza nel comune
- mancato usufrutto di altre agevolazioni specifiche sulla casa
- cittadinanza
- tipologia di immobile da acquisire
Come vede è difficile dare una risposta precisa senza conoscere tali elementi.
Può consultare i siti della Sua regione e del comune di residenza per capire, intanto, se sono attivi dei bandi di tale tipo.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 09-01-2013:
io ho 22 anni vorrei comprare un appartamento di 104 metri quadrati del valore di 124000 euro però io lavoro a tempo indeterminato da 2 mesi è guadagno 1200 posso avere un mutuo per l' appartamento. Grazie

Risposta:
Gentile Utente,
l'impedimento maggiore è la scarsa anzianità di servizio.
Molte banche e finanziarie richiedono tempi lunghi, anche 12 mesi dalla data di assunzione.
Può comunque provare a farsi fare qualche preventivo ma ci sembra improbabile che possa concludere rapidamente.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 12-10-2012:
Io e il mio ragazzo vorremmo acquistare la prima casa. la cifra si aggira intorno ai 165000 euro. Io dispongo già di 120000 euro dell'importo che verrebbero versati subito, lui no..quindi si accollerebbe in mutuo la parte restante.. Io lavoro a tempo indeterminato nello stesso posto di lavoro da 6 anni, lui è appena stato assunto a tempo determinato..Potrebbe venirgli concesso il mutuo di 45000 euro con questa situazione?
Grazie.

Risposta:
Gentile Utente,
con un contratto a tempo determinato non verrebbe concesso il mutuo, nonostante sia una frazione modesta del valore totale dell'immobile acquistato.
Cordialità.
La redazione

--------------------------------------

Domanda del 03-07-2012:
Vorrei chiedere un mutuo per l'acquisto della prima casa insieme al mio compagno. Io ho un lavoro a tempo indeterminato con busta paga di 1300 Euro netti al mese, stipulato 2 mesi fa dopo un primo contratto a progetto sempre nella stessa azienda (lavoro però nello stesso ruolo da 5 anni). Il mio compagno è un agente di commercio con partita IVA, è il suo reddito varia dai 2000 ai 5000 euro mensili. Il tetto massimo che ci siamo posti per l'acquisto dell'immobile è di 220.000 mila euro, e 90.000 vorremmo anticiparli all'acquisto. Pensa che per la cifra restante possiamo ottenere un mutuo?

Risposta:
Gentile Utente,
i limiti maggiori derivano dalla Sua assunzione molto recente. Immagini che Lei si trova ancora nel periodo di prova, periodo in cui il rapporto di lavoro può essere interrotto con molta facilità dal datore di lavoro.
Per quanto attiene il Suo compagno, dato il reddito comunque consistente, bisognerà soltanto valutarne la continuità, ossia da quanti anni si trova in questa condizione.
Ottimo, infine, il rapporto tra la parte che vorreste pagare in contanti e il valore complessivo dell'immobile.
Cordialità.
La redazione




 News sull'argomento :
La dichiarazione dei redditi scade... non dimenticare le detrazioni!
...posta. Oltre ai lavori di ristrutturazione tout-court è ammessa la detrazione anche per la costruzione del box o di un posto auto di pertinenza della prima casa.   ...continua
Come recuperare la parte eccedente il 4% degli interessi sul mutuo
Si vanno definendo le modalità di attuazione della norma prevista dal decreto anticrisi che pone un tetto al 4% agli interessi da pagare sul mutuo per la prima casa. In un primo momento la prassi da seguire per ottenere il rimborso non era stata formalizzata, ora invece ...continua
Decreto anti-crisi: tetto del 4% sui mutui prima casa
I mutuatari con il contratto a tasso variabile prendono respiro dopo la pubblicazione del provvedimento sulle agevolazioni per i mutui prima casa a tasso variabile. Si sta cercando di far pesare il meno possibile le rate del 2009 sulle famiglie italiane grazie all'applicazione ...continua
I contributi prima casa in Lombardia
Anche nel 2008 la giunta regionale lombarda ha approvato lo stanziamento di fondi per aiutare alcune fasce della popolazione ad acquistare la prima casa o a ristrutturare la stessa. Tutti i contributi concessi sono a fondo perduto e pur non trattandosi di grosse cifre ...continua